brevi recensioni - cinema,  Teca horror 1

Dis (2018), di Adrian Corona

Dis

Un ex soldato si rifugia in un bosco, probabilmente a causa di un passato funesto.
Nella selva, una figura demoniaca lo osserva, mentre caccia le sue vittime per nutrire il suo orto di mandragora.

Non esiste una trama precisa e lineare di questo Dis (2018), diretto da un Adrian Corona in una forma artistica strepitosa – per essere la sua opera a lungometraggio d’esordio.
Sì perché di Adrian Corona si conoscono alcuni cortometraggi e brevissimi girati, praticamente introvabili e non in distribuzione.
Dis è un film tetro, cupo, senza speranza.

Ci sono piccoli e grandi “richiami” che si innescano come metafore per dare corpo a questo film surreale e tremendo.
Piccoli e grandi “richiami” a Dante Alighieri, a cominciare dal titolo.
Dis in latino non è che la città di Dite, situata nel sesto cerchio dell’Inferno, dove soffrono i peccatori di eresia, di violenza contro gli altri e le proprie cose.
Il protagonista, Ariel – Bill Obster Jr. – è un uomo tranciato dal passato da peccatore – in uno dei tanti flashback che compongono il film si intravede la sua violenza sulla donna amata e malata da tempo.
Ci sono inoltre i “richiami” alla magia per mezzo dell’erba mandragora alla quale venivano attribuiti effetti divini, afrodisiaci.

Dis vive di un montaggio a flash-back e ritorni al presente, i primi in un bianco e nero spiazzante, i secondi a completare il “cammino” di Ariel in un mondo che è l’inferno.
L’inferno guidato dalla creatura mostruosa capace di infliggere crudeltà indicibili, l’inferno trasfigurato e rigettato all’esterno che è dentro al protagonista.
Adrian Corona dirige un film visivamente sorprendente, luci cupe, rossastre, verdi e grigi sporchi, figure inquitanti.
La via cinematografica può ricondurre alle opere di Jodorosky, o meglio alle grandi capacità visive di Jodorosky.
Tuttavia, Dis gioca una parte personale e massiccia nel mondo dell’horror estremo indipendente fino ad ammettere allo spettatore stesso la voglia di una seconda opera di Corona, di conoscerlo ancora meglio.

Dis è un film tetro, cupo, senza speranza.
Ma da vedere.
Visivamente folgorante, fotografato in modo incredibile, allucinato, con immagini crude di violenza dalle quali non subito si è colpiti.
Perché ha la forza dell’incubo puro – rafforzato dalla quasi totale mancanza di dialoghi – e quindi la forza macinante del subconscio più nero.
un incubo popolato da erbe magiche, figure con maschere bondage, la disperazione del protagonista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *