brevi recensioni - cinema,  Esposizioni

Lassù qualcuno mi ama, di Robert Wise (1956)

" Lassù qualcuno mi ama " (1956)

Robert Wise

Robert Wise firma un’altra pellicola sul pugilato.
Lassù qualcuno mi ama è la storia di Rocky Graziano, tratta dalla autobiografia del pugile stesso, attivo negli anni ’40.

Thomas Rocco Barbella è un ragazzo senza un dollaro in tasca, vive di furti, fughe dai poliziotti e altre bravate.
Figlio di un ex pugile alcolizzato, si fa chiamare Rocky dagli amici quando entra ed esce da riformatori e penitenziari.
Il suo carattere sfacciato e ribelle lo porta fino al carcere e all’isolamento, dove incontrerà Frankie Peppo, anche lui detenuto ed ex procuratore di pugili.
Rocky sconta la pena ed esce dal carcere, recandosi nella palestra Stillman di New York, per guadagnare qualche soldo e incontrare Frankie, che è ancora in prigione.
Qui viene avvicinato da Cohen che gli propone qualche dollaro, battendosi nel ring.
Da questo momento, la vita di Rocky cambia, le doti di pugile picchiatore sono indiscusse, comincia ad allenarsi.
Si farà chiamare Rocky Graziano, la vita pugilistica sembra aver presa sul suo carattere, lo rende migliore e lo avvicina alla sua futura moglie Norma.
Dopo una dura sconfitta con il campione dei pesi medi, Graziano non si scoraggia e si prepara nuovamente per la rivincita.
Intanto Frankie Peppo torna a presentarsi alla porta di Rocky, proponendogli di truccare un incontro, durante il quale dovrà arrendersi per KO.
Fingendo un infortunio alla spalla e rischiando la squalifica a vita dal mondo del pugila, Rocky riesce quindi a non accettare l’imbroglio, pronto di nuovo alla sfida con Tony Zale, per il titolo mondiale.

Lassù qualcuno mi ama è un’opera completa e affascinante, raccontata e montata con un ritmo perfetto e completata da una grandissima interpretazione di Paul Newman.
La boxe è una crescita che parte dalla mera ricerca di qualche spicciolo per mangiare alla completa consapevolezza del proprio coraggio e lealtà.
Tramite i montanti subiti e quelli sferrati, Rocky si riavvicina al padre devastato dall’alcol e dal fallimento e conosce l’amore per Norma, la quale ha un rapporto di terrore con la boxe e il sangue – indimenticabile la scena in cui Rocky invita in palestra Norma, giurandole che non vedrà nemmeno una goccia di sangue: da qui comincia una specie di balletto tra lui e il suo compagno di allenamento, che si sfiorano con i pugni come a ritmo di un balletto classico –
Tema che ritorna anche in Lassù qualcuno mi ama , la lealtà è un tratto che non può mancare sia nell’uomo sia nell’uomo sportivo. Il boxeur di Robert Wise è in lotta più con sè stesso che con il mondo, alla ricerca di un senso, semplice o speciale, da dare alla propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *